• elda

NATURA

L’estate quando fugge ci appare ancora più dolce e generosa. I fiori ancora più vivi e colorati. L’aria ancora più tiepida e amica. Siamo chiusi dentro cicli eterni, familiari, ma in realtà anche alieni. Sappiamo spiegarli in tutta la loro complessità, eppure non ne conosciamo il senso. Il “come” ci è chiaro, ma il “perché”, che tutto spiegherebbe, ci sfugge. Allora ci attacchiamo a ciò che è noto e ci rincuora. E una giornata d’inizio autunno che ancora sa d’estate ci commuove.

0 visualizzazioni