top of page
  • Immagine del redattoreelda

ISTANTI

Seduta sotto un cielo di nuvole frettolose, guardo il paesaggio mutare sferzato dal vento, dal vivido allo sfuocato, dal placido al violento, e io con esso, dentro. Maestoso lo immaginavo e anche grandioso, ma di certo non così capriccioso e tumultuoso, questo anfiteatro naturale di roccia calcarea. Le rondini che si tuffano nel burrone avvoltolandosi giocano con le correnti e io, seduta su un sasso bianco scaldato dal sole che va e viene, penso che la felicità è mutevole come le rondini, il vento e le nuvole.

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page