• elda

CERVELLI

La pancia in subbuglio, in tensione. È il nostro secondo cervello che ci chiama. Lui non sa formulare pensieri, è un tipo istintivo, cavernoso. Si fa sentire facendo correre su e giù i neuroni che popolano il nostro apparato digerente, sconquassandoci le budella. Amore, odio, irrequietezza, voglie, dolori: sentiamo tutto laggiù, mentre il primo cervello, quel gran signore, è impegnato a filosofeggiare. Mi chiama un bel pomeriggio, mentre seduta lì, al solito posto, faccio le solite cose. Mi maltratta un po’. Lo ignoro. Lui continua. È insistente. Allora mi fermo e lo ascolto. Non so cosa voglia, ma appena gli dedico qualche attenzione si rilassa e mi libera. Comunicare con se stessi può essere difficile.

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

PERCEZIONI

È quando si ritira che la nebbia diventa pericolosa. Mentre ci avvolge siamo immobili e non succede nulla. Se inizia ad alzarsi, invece, corriamo fuori e andiamo a sbattere. Nelle cose e nelle persone